SANTUARIO DELLA VERGINE DEL SILENZIO (comunicato del ministro provinciale)

UNA BELLA NOTIZIA PER L’ ABRUZZO

Cari amici c’è una bella notizia per l’Abruzzo. La Regione Abruzzo, dopo il Tibet e la Cappadocia, è la regione al mondo che ha più eremi grazie anche al Santo Papa Celestino V, si può, quindi, definirla: terra del Silenzio.
Il 22 marzo 2019 Papa Francesco ha ricevuto nel Palazzo Apostolico il nostro frate cappuccino Padre Emiliano Antenucci.
Il frate, da circa dieci anni, organizza giornate di spiritualità, corsi, gruppi di preghiera in Italia e all’estero con pubblicazioni sul cammino del silenzio, propagando la devozione alla Vergine del silenzio.
Papa Francesco anni fa aveva ricevuto da uno stretto collaboratore una copia dell’icona originale della Madonna del silenzio e ne è subito diventato devoto. Il Santo Padre la fa collocare tra i due ascensori dell’entrata principale del Palazzo Apostolico, nel cortile di San Damaso, dove passano le persone per parlare con lui e lavorare in Vaticano.
IL 18 maggio 2015 Papa Francesco benedice questa copia con questa intenzione: “La Vergine Maria interceda presso il Signore, perché tutti quelli che entrano nel Palazzo Apostolico possano sempre avere le parole giuste”.
Dopo un colloquio con padre Emiliano, il 24 marzo 2019, vigilia dell’Annunciazione, Papa Francesco mi scrive di suo pugno una lettera autografata.
Con grande stupore, il giorno 8 aprile 2019, giunge in Curia una lettera con questa richiesta: “Sarebbe bello trovare un posto, una Chiesa, dove si possa dare culto pubblico alla Madonna del Silenzio. Pensi lei, per favore e mi faccia la proposta”.
Tra i vari luoghi, secondo il desiderio del Papa che focalizzava la sua attenzione sulla Majella, definita montagna Sacra, abbiamo individuato il convento dei frati minori di Tocco da Casauria (Pe).
Il Santo Padre ricevuta la bella notizia si è messo in moto per avvisare chi giuridicamente dovrà provvedere alla realizzazione del Santuario dedicato alla Vergine del Silenzio che sarà diretto da Padre Emiliano Antenucci con l’ausilio di una fraternità internazionale che garantirà un efficiente servizio.
Il Santo Padre, che più volte ci ha convocato in udienza, ha espresso il desiderio di inaugurarlo personalmente con la sua presenza e benedizione.
L’auspicio è, dunque ora, quello di invitare tutti alla preghiera unanime perché al più presto si realizzi questo progetto di Dio.

L’Aquila, 28/08/2019

Padre Nicola Galasso
Ministro Provinciale dei Frati Cappuccini d’Abruzzo

L’ARTE DEL DISCERNIMENTO ED.EFFATA’

L’arte del discernimento
Bussola per navigare nella vita di ogni giorno
di Emiliano Antenucci

Cosa devo fare nella vita? Che via posso percorrere? Dove vado? Con chi vado? Come sarà il futuro? Quante domande ci pone la nostra esistenza, che vogliamo vivere nella pienezza e nell’amore.

Amare è scegliere, perché se non scegliamo prima o poi saranno la vita, il tempo e le circostanze a scegliere per noi. Chi ama fa delle scelte concrete quotidiane e di vita. Chi ama discerne. Il discernimento è un’arte per tutti gli uomini e per tutti i cristiani.

Compito di questo libro è dare ad ognuno di noi, che è come un «piccolo guerriero della Luce», gli strumenti per discernere nella quotidianità. La speranza è che il lettore possa utilizzarlo come «bussola» per navigare nella vita e nelle scelte piccole e grandi da fare ogni giorno.

L’amore di Cristo è come un «GPS spirituale» che ci guida infallibilmente verso Dio e verso il cuore del nostro prossimo.
Papa Francesco